Introduzione

Le mie chitarre Signature nascono per richiesta espressa di un artista che necessita di uno strumento estremamente personalizzato. Vi voglio raccontare la storia della nascita di questi strumenti veramente unici dal punto di vista tecnico ed estetico e anche di come ho conosciuto i loro proprietari.

Tavola armonica Abete rosso italiano
Fondo e fasce Acero occhialinato – ebano Makassar
Manico Acero liscio in due pezzi con inserto in ebano africano
Tastiera e ponte Ebano indiano bicolore – ebano africano a poro chiuso
Incatenatura Doppia X con rinforzi strutturali in fibra di carbonio
Numero tasti 22
Truss rod A doppia azione in acciao inox
Diapason 632 mm
Misura tastiera I tasto 48 mm – XII tasto 60 mm
Spessore manico I tasto 19 mm – X tasto 22 mm
Attacco manico XIV tasto
Lunghezza cassa 476 mm
Altezza cassa zocchetto inferiore 110 mm
Altezza cassa attaccatura manico 80 mm
Diametro buca 98 mm
Meccaniche Grover ratio 1:18
Amplificazione Clear Sound Pickups
Verniciatura Vernice a spruzzo a base ceramica

Emanuele, in arte Eman (che chiamo Emme) è un cantautore calabrese electro-pop indi. Ci siamo conosciuti perché un altro mio caro amico Alex Adriano (fonico superbo, preparato e con grandi intuizioni!) ha pensato che fosse una buona idea fare incrociare le nostre strade. In seguito Emme mi ha commissionato una chitarra acustica con determinate misure e alla mia domanda: “Che decorazioni vorresti e soprattutto che legni vuoi che utilizzi?”, la sua risposta è stata: “Ispirami!”. Per la stima che ho nei confronti di Emme ho cercato di fare del mio meglio ed è nata Nemesi. Nemesi è una chitarra folk parlor a sei corde di dimensioni ridotte ma con un suono potente e bilanciato, ricca di medie frequenze, ma che non pecca di certo in bassi ed acuti, con molto sostegno. La particolarità delle misure della tastiera con un capotasto da ben 48 mm, rende la diteggiatura della mano sinistra molto agevole; Emme ha delle mani molto grandi e la scelta del capotasto largo è stata dettata anche da questo particolare. Il tema ispiratore principale di questo strumento è il tempo, infatti intorno alla buca ho intarsiato un quadrante di orologio a numeri romani. Il resto dello strumento è sobrio negli intarsi e lascia esprimere la bellezza del legno stesso. Cos’è che divide e unisce? Il tempo!

GALLERIA

Tutti i dettagli

TORNA SU